A U G U R I di buon Natale

L’Accademia Riminese delle Arti Musica Spettacolo con il corpo docenti e la segreteria, augura a tutti i suoi iscritti e a i suoi fan un sereno e felice Natale ed un migliore anno avvenire.
Vi ricordiamo inoltre che saremo chiusi dal 21/12/2019/ fino al 6/01/2020.
Le lezioni riprenderanno martedì 07/01/2020 con le programmazioni e orari consueti.
Auguri.

Laboratorio Teatrale

Buon pomeriggio,confermiamo ai nostri allievi del Laboratorio di  Teatro,l’incontro che si terrà qui in Accademia dalle ore 15 alle 17 di venerdì 20/12/2019 con il secondo step del corso, così come convenuto sabato scorso. Buono studio. La segreteria

Corso di Teatro

La Direzione dell’Accademia Riminese comunica che il laboratorio di recitazione teatrale e cinematografica diretto da Lucia Pagliardini è destinato ai ragazzi e  ragazze dai 17 anni e agli adulti.

Il laboratorio,a cadenza bisettimanale,è finalizzato alla preparazione completa della professione dell’attore ed ha come obbiettivo la realizzazione di un corto metraggio la cui anteprima sarà presentata in teatro.

Rimangono ancora alcuni posti per partecipare al laboratorio,si accolgono iscrizioni fino al 15/01/2020.show-must-go-on

Nuovo Corso di Teatro

La Direzione dell’Accademia Riminese comunica che da gennaio 2020 si aprirà un nuovo corso di Teatro destinato ai ragazzi e ragazze dai 10 ai 15 anni.

Le lezioni si svolgeranno a cadenza settimanale e sono finalizzate alla preparazione ed alla messa in scena dello spettacolo di fine Anno Accademico che verrà presentato in teatro.

Vi aspettiamo numerosi!

La Direzione.show-must-go-on

Nuovo progetto Work in Progres: Vignettista

L’Accademia Riminese delle Arti Musica Spettacolo

 

Nel promuovere nuove forme d’Arte per accrescere la creatività  e arricchire la propria offerta artistica

ORGANIZZA

un nuovo Laboratorio per

VIGNETTISTA

Il corso tende a far emergere il carattere umoristico e satirico proprio di questa forma d’Arte caricaturale, con la leggerezza di una risata e il carattere giovale e pungente di chi dice senza colpo ferire.

 Il corso si basa nell’apprendimento sia del disegno, proprio a questa tecnica di disegno artistico, sia nello svilupparne il concetto sottile che sta dietro ad una immagine satirica e umoristica.

Il corso avrà una cadenza settimanale di un’ora, pomeridiana da decidere quando si raggiungerà un numero di almeno 3 allievi.

Si accettano prenotazioni.

Per informazioni contattare:

Accademia Riminese delle Arti Musica Spettacolo

viale Regina Margherita 41 – Rimini

Segreteria: tel. 0541. 374883

E-mail: info@accademiariminese.it

“Grigliata mista”

grigliata-mista-di-carni-800x567

Maria Teresa Falcone si è diplomata giovanissima presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna sotto la guida del Maestro Stefano Fiuzzi, ottenendo il massimo dei voti. Successivamente ha seguito attivamente numerosi corsi di perfezionamento, tra i quali quelli tenuti presso il Mozarteum di Salisburgo, l’Accademia Musicale Pescarese, il Teatro Rasi di Ravenna, il Gahberg in Austria ed il C.I.F.M. di Nizza, con Maestri quali Carlo Zecchi, Vincenzo Vitale, Jörg Demus e Jean Paul Sevilla, che nei suoi confronti hanno avuto parole di elogio: “un vero talento” (Carlo Zecchi), “un’artista di gran temperamento” (Vincenzo Vitale), “una pianista con una personalità attrattiva e forte, una tecnica bellissima ed un mestiere perfetto”(Jörg Demus), “particolarmente pregevoli le sue interpretazioni di Chopin” (Jean Paul Sevilla). Ottiene lusinghieri riconoscimenti come concertista, suonando per importanti istituzioni e società musicali in italia e all’estero e si distingue classificandosi ai primi posti in numerosi Concorsi Nazionali ed Internazionali tra i quali il “Coppa Pianisti d’ Italia” di Osimo, il “Del Corona” di Livorno ed il “Masterplayers” di Lugano. Svolge un’intensa attività concertistica come solista ed in formazioni cameristiche, riscuotendo il consenso concorde della stampa: “una pianista di sicurezza e temperamento uniti ad un’ottima tecnica e ad un gusto musicale piuttosto raffinato” (Il Gazzettino), “una virtuosa della tastiera” (Il Giorno), “un’attenta interprete del carattere beethoveniano” (La Ribalta), “un sentire romantico dai toni drammatici e lirici pieni di sfumature” (Il Notiziario), “ha letteralmente stupito il pubblico con un Bartok travolgente” (Il Resto del Carlino). Ha svolto attività d’insegnamento come docente di pianoforte presso il Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino, in varie Scuole Civiche di musica e nelle Scuole Medie ad indirizzo musicale.

Attualmente si dedica principalmente all’ attività concertistica.

Progetto Work in Progres: Laboratorio di Fotografia

Le proposte dell’Accademia Riminese delle Arti Musica Spettacolo

Laboratorio di fotografia

“Rimini, paesaggio costiero”

Docente: GIORGIO GRANATIERO

Rimini, paesaggio costiero è un laboratorio di storia e tecnica della fotografia tenuto da Giorgio Granatiero, fotografo professionista di architettura e paesaggio. Si comincerà con alcune lezioni frontali sulla storia dello strumento fotografico: da Galileo, Caravaggio e Canaletto, fino agli odierni smartphones. Analizzeremo le opere degli autori più importanti e saranno approfondite tutte le tecniche, i generi e le correnti, ma un occhio di riguardo verrà riservato all’ambiente italiano ed in particolare alla fotografia di paesaggio inteso non semplicemente come paesaggio naturale ma come espressione di un paesaggio umano interiore. Così facendo si arriverà al tema scelto, il paesaggio costiero, molto caro a Luigi Ghirri a Fellini e tanti altri.

Inoltre durante il laboratorio verranno svolte esercitazioni pratiche ed esplorazioni fotografiche finalizzate non soltanto all’apprendimento della tecnica, ma dedicate alla conoscenza del linguaggio e alla costruzione di una visione personale. Si farà esperienza di come anche il paesaggio quotidiano può risultare straordinario e si dimostrerà che fotografare ciò che ci circonda può essere un ottima via per l’introspezione. Ai corsisti sarà richiesto di portare qualsiasi tipo di attrezzatura fotografica in loro possesso e produrre, infine, un progetto fotografico personale sul paesaggio costiero riniminese; le migliori fotografie verranno poi selezionate ed esposte in una mostra collettiva.

 

“Il mare lo considero come un grande amico e ogni volta che posso lo vado a trovare. So che per molti è lo stesso e non soltanto d’estate ma in tutti i momenti dell’anno rappresenta un luogo di svago e contemplazione. Nel corso delle stagioni cambia d’umore, ma sotto sotto rimane sempre lo stesso, da qualsiasi costa noi lo guardiamo”.

Giorgio Granatiero

 

immagine immagine-granatiero-1 immagine-3

immagine-2

 

Giorgio Granatiero  nasce a Venezia, cresce a Senigallia, attualmente vive a Cesena.
Fin da piccolo coltiva la passione per la fotografia e cresce studiando i fotografi del gruppo Misa. All’età di diciotto anni viene premiato al concorso fotografico nazionale indetto dal Resto del Carlino e dopo questo riconoscimento realizza nel senigalliese tre mostre fotografiche.

Dopo la maturità scientifica si laurea in Architettura all’Università di Bologna con una tesi intitolata Vedere la città. La fotografia di paesaggio nell’architettura italiana del dopoguerra. Tale tesi, oltre ad una trattazione teorica e a un progetto architettonico, contiene un progetto fotografico sul Canale Candiano di Ravenna. Con quest’ultimo partecipa al concorso fotografico “Camera Work 2019” vincendo il finanziamento di una mostra presso il Palazzo Rasponi di Ravenna presentata da Denis Curti e Giovanni Chiaramonte.

Compie un anno di studi presso la Technische Universität di Monaco di Baviera dove vince il primo premio nel concorso di Archittetura indetto dal Werkbund di Berlino.
Nell’ambiente universitario cesenate entra in diretto contatto con la grande fotografia di architettura e paesaggio urbano frequentando corsi con Joel Meyerowitz, Guido Guidi e Giovanni Chiaramonte. Diviene infine allievo di quest’ultimo svolgendo con lui un tirocinio curriculare che lo porta, nel 2017, a pubblicare il suo primo libro fotografico intitolato City Light. Exploring the European City edito da Franco Cosimo Panini e con le postfazioni di Giovanni Chiaramonte e Simona Guerra.